APRIRE UN’AFFITTACAMERE CON I CONTRIBUTI AGEVOLATI

Hai la disponibilità di alcuni  immobili  e vuoi aprire un’attività per realizzare dei profitti?

Vuoi aprire un’attività turistica di affittacamere o Bed and Breakfast?

Va subito sottolineata la differenza tra le due tipologie di attività.

Casa da affittare: una rendita
Casa da affittare: trasformarla in una rendita

 

COS’E’ IL BED & BREAKFAST E PERCHE’ NON PUO’ ESSERE FINANZIATO

Si definiscono Bed & Breakfast (B&B) le strutture che offrono alloggio con massimo tre camere, quindi un ridotto numero di posti letto. Si esercitano privatamente senza aprire la partita iva. Hanno la caratteristica di offrire solitamente solo un servizio stagionale o comunque saltuario.
L’attività di B&B quindi non è un’attività d’impresa.
Il primo requisito fondamentale per accedere ai bandi per i finanziamenti è quello di aprire una nuova impresa. Per questo motivo, il Bed & Breakfast non viene finanziato, rimane un’attività gestita da privati nel tempo libero.
Per poter accedere ai contributi per le imprese occorre offrire un maggior numero di stanze e una attività svolta tutto l’anno.

 

PERCHE’ INVECE L’AFFITTACAMERE PUO’ OTTENERE
CONTIBUTI A FONDO PERDUTO

Per esercitare l’attività di affittacamere, invece, occorre aprire la partita iva. Solitamente si tratta di strutture che offrono un numero di camere e posti letto superiore ai B&B. Inoltre gli affittacamere sono aperti tutto l’anno.

Il turismo italiano è rappresentato per la maggior parte da single e famiglie che desiderano trascorrere vacanze rilassanti, tranquille, immersi nel verde o nelle nostre splendide spiagge marine. Sicuramente le strutture ricettive extra-alberghiere diventano meta e punto di riferimento per tutti questi turisti.

Le attività di affittacamere negli ultimi anni hanno visto un aumento di prenotazioni importante, specialmente in quelle strutture che offrono anche servizi aggiuntivi come la disponibilità di una cucina con cui l’ospite può prepararsi da solo la prima colazione e i pasti giornalieri (pranzo e cena).

La domanda che mi sento spesso rivolgere è:
ci sono contributi a fondo perduto e agevolazioni che mi aiutano a realizzare il mio sogno?

La risposta a questa domanda è:

Si, esiste un bando attivo su tutto il territorio nazionale che finanzia le nuove attività ricettive con una agevolazione che può arrivare al massimo di 50.000 euro.

Le spese che vengono finanziate riguardano gli acquisti di attrezzature, arredamenti e impianti.
Solo in minima parte sulla ristrutturazione dei locali, alle utenze (telefono, luce, acqua ecc…), alle materie prime.

Prendiamo come esempio un’attività di affittacamere che possiede tutti i requisiti per accedere all’agevolazione. Il primo requisito fondamentale è che il titolare (ditta individuale) o almeno la metà dei soci (società di persone) siano non occupati, ed almeno un socio con meno di 30 anni di età.

ESEMPIO:
Supponiamo che il titolare possiede i requisiti per accedere al bando  ha preventivato di spendere:

  • 30.000 euro in arredi, letti, armadi, suppellettili, attrezzature,
  • 15.000 euro in affitto annuale per 8 stanze (20 posti letto), circa 1.300 euro al mese,
  • 5.000 euro in materiali di consumo di pulizia, utenze, elettricità, acqua
  • TOTALE = 50.000 euro

 

Il titolare quindi beneficerà di un finanziamento in cui:

  • non verranno richieste firme di garanzia o immobili intestati a garanzia,
  • dovrà restituirlo solo a partire dal sesto mese dopo l’avvio dell’attività (quindi ha 6 mesi di tempo per avviare ed incassare dai clienti),
  • un prestito a tasso zero (zero interessi),
  • durata 7 anni (anzichè 5 anni),

L’UNICO MODO PER RICEVERE UN PARERE GRATUITO SE IL TUO PROGETTO PUO’ ESSERE FINANZIABILE E’ SCARICARE LA MINI-GUIDA DEI BENI AGEVOLABILI DA QUESTA PAGINA: https://www.contributiregione.it/idea-di-impresa-nuova/

 

Il tuo immobile è in una zona rurale o agricola?

Nel prossimo articolo scoprirai come aprire una Country House.
Ti mostrerò anche come farti finanziare importi che superano i 30.000 euro ed arrivare anche a 120.000 euro.

ESISTE L’ALTERNATIVA AGLI AFFITTACAMERE?

A quanto pare si, basta solo mettere in pratica qualche idea originale come hanno fatto Ashley e Jason, clicca qui per leggere l’articolo del corriere della sera.




Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su print

185
Scrivi il tuo commento

avatar
103 Comment threads
82 Thread replies
1 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
101 Comment authors
fabiopaolo ferrandoFabrizioMICHELAenzo russo Recent comment authors
  Iscriviti  
Notificami
paolo ferrando
Ospite
paolo ferrando

dove posso avere tutte le informazioni necessarie per poter richiedere un prestito a fondo perduto per l’attivita di affittacamere? sto facendo una ricerca su internet, ma mi riporta sempre a questo sito! grazie in anticipo!

Fabrizio
Ospite
Fabrizio

Buon giorno,
Avrei bisogno di conoscere se ci sono possibilità di chiedere aiuti economici per comprare la licenza di un albergo con 10 camere.
Grazie
F.

MICHELA
Ospite
MICHELA

Ciao Fabio, ho acquistato da poco una proprietà con un 1 ettaro e mezzo di terreno tutto pianeggiante + 2 ruderi di metri complessivi circa 180 in Calabria nelle prossimità della località di Capo Vaticano. Come ho già letto non ci sono contributi per ristrutturare gli immobili, ma per il passo successivo cioè arredi, ristorazione ecc… Il mio desiderio sarebbe di creare un’attività sia produttiva che ricettiva, una fattoria didattica, u n campo sportivo sia da tennis che da basket, una piscina. Attualmente io lavoro partime in un ufficio che svolgiamo pratiche agricole e mi è sto consigliato di avviare… Leggi il resto »

1 9 10 11

Autore Dell’articolo

CATEGORIE