Aprire un affittacamere: Errori da evitare per ottenere agevolazioni

Ecco una delle domande più frequenti che mi rivolgono: “SE IO VOLESSI ACQUISTARE UN IMMOBILE PER IMPIANTARE UN’ATTIVITA’ DI AFFITTACAMERE, CI SAREBBERO FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO PER AGEVOLARNE L’ACQUISTO O LA COSTRUZIONE DI IMMOBILI?”

E’ veramente uno degli errori più comuni. A meno che non abbiate considerevoli capitali da investire o un immobile già di proprietà, la regola ferrea è:

“Non si inizia mai un’attività contraendo o con debiti o con passivo, l’ acquisto di un immobile: si inizia sempre prendendolo in affitto.” 

Casa da affittare: una rendita
Casa da affittare: finanziamenti agevolati

Vi riporto la domanda completa di una lettrice di questo blog che chiedeva informazioni sul finanziamento agevolato per aprire un’attività di affittacamere/ bed & breakfast:

“SALVE
HO LETTO L’ARTICOLO CHE PARLAVA DELLA DIFFERENZA FRA “B&B” ED “AFFITTACAMERE”.
MI PARE DI AVER CAPITO CHE GLI INCENTIVI A FONDO PERDUTO SI POSSONO OTTENERE SOLO PER GLI AFFITTACAMERE … SOLO CHE NEL SITO SI PARLA DI INCENTIVI SU UN IMMOBILE GIA’ DI PROPRIETA’.

SE IO VOLESSI ACQUISTARE UN IMMOBILE PROPRIO PER COSTITUIRE UN ATTIVITA’ DI AFFITTACAMERE?
HO VISTO UN B&B E VORREI ACQUISTARLO MA AVVIARLO COME “AFFITTACAMERE” PER USUFRUIRE DEGLI INCENTIVI STATALI … L’IMMOBILE COSTA 180.000 € … NON CI SONO PROPRIO DEGLI INCENTIVI PER L’ACQUISTO DELL’IMMOBILE?”

Ecco la risposta completa che potrà essere utile anche a te:

Buongiorno Letizia, stai facendo gli stessi errori che in molti fanno: ti concentri sull’acquisto dell’immobile, cosa da non fare mai all’inizio dell’attività, infatti:

1) non ci sono contributi europei o regionali per acquistare gli immobili (per evitare le speculazioni immobiliari: li costruirebbero o ristrutturerebbero con fondi pubblici e poi sono tentati di rivenderli senza svolgere effettivamente l’attività),

2) non si inizia mai un’attività nel fare debiti per acquistare un immobile: si prende sempre in affitto! Perchè?

Per questi motivi fondamentali:  se l’attività non va subito a pieni profitti, COSA SUCCEDE?

Se fai debiti in banca per acquistare l’immobile e le entrate degli affitti sono scarse ti rimarrà un debito per quasi tutta la vita, 20 o 30 anni (dipende dalla durata del mutuo), quindi dovrai passare il resto della tua vita a pagare rate senza entrate sufficienti.

Perchè vuoi prenderti un rischio cosi grande quando non sei ancora sicura di quanti clienti riuscirai ad attrarre? Si parte sempre dall’affitto, hai il tempo per testare l’attività e vedere come va, se le cose non vanno cosi bene come avevi stimato puoi sempre disdire inviando una raccomandata con 6 mesi di anticipo. Quindi se le cose non vanno bene come avevi prospettato, sarai vincolata al massimo per 6 mesi, e non come per il mutuo per 30 anni!

Addirittura nel contratto di affitto, che stilerai con l’aiuto del tuo commercialista, potresti inserire una clausola con opzione di acquisto dell’immobile. Pertanto se gli incassi dovessero andare bene, avresti un’opportunità: acquistare l’immobile dopo 2 anni (o dopo 5 anni) con una proposta di acquisto. Acquistare a colpo sicuro, dopo aver testato l’attività.

DOVE TI POSSONO AIUTARE I CONTRIBUTI REGIONALI?
Ti possono aiutare per acquistare arredi, attrezzature, letti, cucina per completare le camere e  allestire la cucina.

DA DOVE INIZIARE PER CAPIRE SE TI DARANNO CONTRIBUTI?
Scarica da qui la mini-guida ai beni agevolabili –> https://www.contributiregione.it/mini-guida-spese-agevolabili-da-finanziamenti-europei/

Così potremo guidarti con una risposta e altre preziosi suggerimenti.

Per chi si è perso il precedente articolo in cui spiegavo la differenza tra affittacamere (finanziabile) e bed & breakfast (non finanziabile) e il calcolo dei finanziamenti agevolati che si possono ottenere ecco il link:

Cliccare su questa riga per leggere l’articolo: E’ finanziabile un bed & breakfast o affittacamere? Qual è la differenza?

A presto.

Fabio Centurioni




Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con i tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su print

Autore Dell’articolo

CATEGORIE