Bando Arche Regione Lombardia Fondo Perduto fino al 50% per imprese e Liberi Professionisti

Sei un Professionista e vuoi aprire la tua azienda?

Scopri come accedere al Bando Archè Regione Lombardia

Il Bando Archè sostiene le nuove realtà imprenditoriali presenti nel territorio regionale Lombardo.

Il Bando prevede un Finanziamento a Fondo Perduto a supporto degli investimenti per le Startup, le Piccole Medie Imprese e per i Liberi Professionisti nella Regione Lombardia.

Beneficiari dell’agevolazione

Sono beneficiari dell’agevolazione i soggetti che, al momento della presentazione on line della domanda, abbiano una sede legale o operativa o domicilio fiscale (per i Liberi Professionisti) in Lombardia e siano in possesso dei seguenti requisiti:

Misura A – Piani di Avvio

  • Micro, Piccole e Medie Imprese, iscritte e attive al Registro delle Imprese da massimo 2 anni;
  • Liberi Professionisti in forma singola che abbiano avviato la propria attività professionale da massimo 2 anni
  • Liberi Professionisti in forma associata che abbiano l’atto costitutivo dello studio e della partita IVA associata allo studio da massimo 2 anni.
  • I Liberi Professionisti (singoli o associati) iscritti al Registro delle Imprese partecipano come MPMI.

Misura B – Piani di Consolidamento

  • Micro, Piccole e Medie Imprese, iscritte e attive al Registro delle Imprese da più di 2 anni e fino a 4 anni;
  • Liberi Professionisti in forma singola che abbiano avviato la propria attività professionale da più di 2 anni e fino a 4 anni;
  • Liberi Professionisti in forma associata che abbiano l’atto costitutivo dello studio e della partita IVA associata allo studio da più di 2 anni e fino a 4 anni;
  • I Liberi Professionisti (singoli o associati) iscritti al Registro delle Imprese partecipano come MPMI.

Per entrambe le misure non sono ammissibili gli aspiranti imprenditori o aspiranti liberi professionisti.
Ciascun soggetto può presentare una sola domanda.

Dotazione finanziaria

La dotazione finanziaria è pari a 16 milioni di euro.

Per la Misura A:

Piani di Avvio la dotazione finanziaria è pari a 6 milioni di euro, di cui 1 milione di euro quale riserva per le Start Up innovative iscritte presso la sezione speciale delle CCIAA di Regione Lombardia.

Per la Misura B:

Piani di Consolidamento la dotazione finanziaria è pari a 10 milioni di euro, di cui 2 milioni di euro quale riserva per le Start Up Innovative iscritte presso la sezione speciale delle CCIAA di Regione Lombardia.
È prevista anche la presentazione delle domande in overbooking.

Progetti e Spese Ammissibili

Piani di avvio:

  • progetti di sviluppo per la realizzazione dei primi investimenti (materiali e immateriali) necessari all’avvio dell’impresa/attività professionale e alle fasi di prima operatività.

Piani di consolidamento:

  • progetti di sviluppo per la realizzazione degli investimenti (materiali e immateriali) necessari a consolidare ed espandere le attività di impresa/professionale.

PER ESAURIMENTO DELLE RISORSE IL BANDO E’ STATO CHIUSO.
Le domande pervenute fino all’8 ottobre verranno ammesse con riserva.
In caso di reperimento di ulteriori risorse (tra cui la rinuncia di alcuni progetti già finanziati) ci sarà la priorità data alla domande ammesse con riserva.

 

Per la Misura A – Piani di Avvio, le spese ammissibili sono:

  • acquisto di nuovi impianti, attrezzature, materiali, macchinari, hardware e software;
  • adeguamento dell’impiantistica generale e ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa/professionale;
  • locazione e/o noleggio per attrezzature tecnico-specialistiche e per laboratori/sede oggetto di intervento;
  • personale riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 20% dei restanti costi diretti;
  • spese generali riconosciute in maniera forfettario nella misura del 7% dei restanti costi diretti;
  • acquisto licenze software e servizi software, compreso sviluppo sito web;
  • servizi di consulenza nella percentuale massima del 2% della spesa totale.

Per la Misura B – Piani di Consolidamento, le spese ammissibili sono:

  • acquisto di immobili destinati alla sede produttiva, logistica, commerciale, l’immobile deve essere ubicato all’interno del territorio regionale;
  • acquisto di brevetti, licenze d’uso e servizio software di tipo cloud, saas (Software come Servizio) e simili;
  • certificazione di qualità, deposito marchi, registrazione e difesa dei brevetti;
  • servizi di consulenza esterna specialistica (legale, fiscale, business) non relativa all’ordinaria amministrazione, nella percentuale del 2% della spesa totale, escluse le consulenze riguardanti la partecipazione al bando;
  • spese di personale riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 20% dei restanti costi diretti;
  • spese generali riconosciute in maniera forfettaria nella misura del 7% dei restanti costi diretti;
  • acquisto di nuovi impianti, attrezzature, materiali, macchinari, hardware;
  • spese di adeguamento dell’impiantistica generale e ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa/professionale.

Entità delle agevolazioni previste

Per la Misura A – Piani di Avvio

  • intensità d’aiuto pari al 40% dell’investimento ammissibile;
  • investimento minimo di 30 mila euro;
  • contributo massimo di 50 mila euro.

Per la Misura B – Piani di Consolidamento

  • intensità d’aiuto pari al 50% dell’investimento ammissibile;
  • investimento minimo di 40 mila euro;
  • contributo massimo di 75 mila euro.

L’erogazione avviene a saldo in un’unica soluzione, previa verifica della rendicontazione presentata.
L’agevolazione è concessa nei limiti del de minimis.

Termini previsti per la presentazione delle domande

Domande presentabili fino al 15 novembre 2019 (e comunque fino a esaurimento risorse).

Bando Archè sostiene le nuove realtà imprenditoriali lombarde, siano MPMI o Liberi Professionisti con una sede in Lombardia.

L’agevolazione consiste nel finanziamento di:

  • Piani di Avvio – Misura A (per le attività di nuova o recente costituzione, fino a un massimo di 2 anni)
  • Piani di Consolidamento – Misura B (per le attività avviate da più di 2 anni e massimo 4 anni), mediante un contributo a fondo perduto.

Per evitare di perdere l’agevolazione
controlla se hai i requisiti prima della scadenza:

Ti aspetto per i prossimi aggiornamenti,

Fabio Centurioni

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo con i tuoi amici
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su skype
Condividi su telegram
Condividi su print

Scrivi il tuo commento

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Autore Dell’articolo